Artboard 112 copy 55
Come Pulsee Luce e Gas siamo un soggetto terzo del tutto estraneo al servizio di streaming online denominato Pulsler. Avvisiamo che pertanto non potremo dare seguito ad eventuali segnalazioni e/o richieste. Clicca per approfondire. >>
ico-close

Mercato libero dell'energia: come funziona

31/07/2023

Come funziona il mercato libero dell'energia    

Il mercato libero dell’energia prevede la libera concorrenza tra gli operatori del settore, in questo modo ogni compagnia può mettere a disposizione le proprie offerte per la luce e il gas. A differenza del mercato tutelato, in cui le tariffe sono le stesse per tutti i fornitori e definite dall’Autorità, in quello libero si possono trovare proposte molto diverse tra loro.

Per i consumatori il mercato libero garantisce una serie di vantaggi, in quanto è possibile scegliere la fornitura più adatta al proprio fabbisogno energetico, inoltre fra poco questo sistema diventerà obbligatorio per tutti. Scopriamo come funziona il mercato libero dell’energia elettrica e del gas e quali sono i benefici per risparmiare sulle bollette di luce e gas.

Le forniture green e smart di Pulsee Luce e Gas per il mercato libero

Con Pulsee Luce e Gas è possibile scegliere forniture luce e gas smart, convenienti e attente all’ambiente, per passare al mercato libero dell’energia in modo conveniente e prendere una decisione socialmente responsabile. Le offerte energetiche Pulsee si possono gestire online in modo 100% digitale, basta usare l’app per Android e iOS oppure attraverso l’area riservata all’interno del portale web.

Inoltre, è possibile usufruire di una serie di servizi aggiuntivi con cui personalizzare la fornitura. È compreso il servizio My Green Energy, con il quale promuovere uno stile di vita più sostenibile e ricevere solo energia solare prodotta da impianti fotovoltaici, oppure è possibile attivare il servizio Gas Compensation per supportare progetti di sostenibilità con i quali compensare la CO2 emessa dalla produzione del gas consumato in casa ogni giorno.

 

Mercato libero obbligatorio: la scadenza del mercato tutelato

Dopo numerosi rinvii è stato confermato il passaggio definitivo al mercato libero dell’energia elettrica e del gas, con la cessazione del servizio di maggior tutela. In particolare, la conclusione del mercato tutelato per i clienti domestici per le utenze di luce e gas è stata fissata al 1 gennaio 2024, un passaggio già diventato obbligatorio per quasi tutte le imprese.

A partire dal 1 gennaio prossimo, dunque, tutte le persone con un contratto attivo nel mercato tutelato dovranno attivare una fornitura luce e gas nel mercato libero. Si tratta di un’opportunità per risparmiare e usufruire di un servizio più adatto alle proprie esigenze, grazie a una maggiore varietà di tariffe, prezzi più competitivi e la possibilità di scegliere una fornitura di energia attenta all’ambiente.

Ovviamente è possibile passare al mercato libero prima della scadenza, per avere tutto il tempo a disposizione per valutare con attenzione le offerte disponibili e individuare quella più adeguata al proprio fabbisogno energetico. Il cambio fornitore, infatti, è un procedimento possibile in qualsiasi momento, inoltre si tratta di un’operazione semplice, gratuita e 100% digitale.

Cambiare fornitore di energia elettrica e gas, inoltre, non comporta alcun disagio per i consumatori. L’operazione avviene per conto della nuova compagnia energetica, senza interruzioni delle forniture energetiche, in più non è necessario sostituire il contatore, basta comunicare al nuovo fornitore poche semplici informazioni come i codici PDR e POD riportati nell’ultima bolletta.

 

Cosa succederà a chi non passerà al mercato libero

I consumatori che non attiveranno un contratto luce e gas nel mercato libero entro il 1 gennaio 2024, rimanendo quindi nel mercato tutelato, saranno soggetti al Servizio a Tutele Graduali. In sostanza, l’Autorità ha individuato dei fornitori per ogni zona geografica attraverso delle aste territoriali, a cui saranno trasferiti i clienti domestici che non avranno effettuato il passaggio al mercato libero..

In questo caso, dunque, i clienti non potranno scegliere il fornitore, ma ad ogni utente sarà assegnato quello di riferimento per la sua area geografica. Le condizioni tariffarie, invece, saranno definite dall’Autorità, un sistema che avrà una durata limitata e terminerà tre anni dopo, da quando scatterà l’obbligo di sottoscrivere un contratto nel mercato libero ad eccezione di alcune categorie di cittadini vulnerabili..

 

Cos’è il mercato libero dell’energia e come funziona

Il mercato libero dell’energia è un settore liberalizzato in cui ogni operatore autorizzato può offrire forniture di luce e gas senza i vincoli imposti da ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente. In questo modo ogni persona può scegliere il servizio più conveniente, valutando le proposte dei fornitori e sottoscrivendo il contratto più in linea con le proprie necessità..

Al momento questa decisione rimane facoltativa, infatti è ancora possibile rimanere nel mercato tutelato, dopodiché da gennaio 2024 sarà obbligatorio scegliere un’offerta nel Mercato Libero dell’energia elettrica e del gas. La differenza principale è legata al prezzo dell’energia, il quale viene stabilito dalle compagnie in modo autonomo, con la possibilità di trovare tante offerte differenti tra di loro..

Alcuni costi del servizio, invece, non cambiano e sono uguali per tutti i fornitori, infatti sono stabiliti da ARERA e uguali per tutte le compagnie energetiche. Si tratta in particolare delle spese per il trasporto e la gestione del contatore, gli oneri di sistema e le imposte, mentre ogni fornitore può offrire tariffe diverse per la componente energia.

La quota energia si riferisce al prezzo della materia prima energetica, ossia l’energia elettrica e il gas, per cui i fornitori possono decidere autonomamente la tariffa da applicare per questa componente. La quota di commercializzazione è relativa invece ai costi sostenuti dai fornitore per la gestione dei clienti, ed è in genere un costo fisso indipendente dai consumi.

 

Quali sono i vantaggi del mercato libero luce e gas

Il passaggio al mercato libero dell’energia garantisce una serie di vantaggi importanti per i consumatori, tra cui quelli principali sono:

  • tariffe più convenienti;
  • offerte personalizzate;
  • nessun costo aggiuntivo;
  • ampia gamma di soluzioni diverse;
  • possibilità di risparmio;
  • scelta di forniture green e smart.

Con le offerte del mercato libero è possibile ottenere un risparmio considerevole sulla bolletta di luce e gas, in quanto la libera concorrenza mantiene basse le tariffe, con la possibilità di scegliere un forniture unico per entrambe le utenze. Inoltre, il passaggio dal mercato tutelato a quello libero è gratuito, senza nessun costo aggiuntivo né interruzioni della fornitura energetica.

Un altro aspetto da non sottovalutare sono le proposte personalizzate, con alcuni operatori che offrono soluzioni su misura in base alle proprie esigenze. Si tratta ad esempio di offerte monorarie per usare l’energia elettrica in qualsiasi momento della giornata pagando sempre lo stesso prezzo, oppure tariffe biorarie per pagare di meno se si consuma nelle fasce orarie elettriche più convenienti.

Lo stesso vale per le offerte a prezzo bloccato o indicizzato, per poter scegliere liberamente la fornitura migliore a seconda del proprio consumo di energia. Alcuni operatori del mercato libero propongono anche forniture di energia da fonti rinnovabili, un’opzione importante per supportare l’energia sostenibile e rendere la propria casa più ecologica.