Come Pulsee Luce e Gas siamo un soggetto terzo del tutto estraneo al servizio di streaming online denominato Pulsler. Avvisiamo che pertanto non potremo dare seguito ad eventuali segnalazioni e/o richieste. Clicca per approfondire. >>
ico-close

SMC gas: significato e calcolo

05/02/2024

Smc gas: significato e calcolo

Nella bolletta del gas, spesso ci si imbatte in sigle complesse che possono generare confusione. Tra queste, una delle più comuni è smc. Ma cosa significa esattamente?  In questo articolo, vedremo più da vicino cos’è l’smc, come si calcola e perché è così importante.

Cos’è lo standard metro cubo

Lo standard metro cubo (smc) è l'unità di misura utilizzata per quantificare il consumo di gas naturale. Ma perché si usa questa unità di misura e non il semplice metro cubo (mc)?

Il gas naturale è un fluido e il suo volume varia in base alla temperatura e alla pressione. Per questo motivo, sarebbe poco preciso misurare il consumo di gas in metri cubi, perché il volume potrebbe variare a seconda delle condizioni atmosferiche, geografiche e di trasporto.

Lo standard metro cubo invece, tiene conto di queste variabili e rappresenta il volume di gas che si otterrebbe se lo si portasse a condizioni standard di temperatura (15°C) e pressione (1 bar). In questo modo, si ha un'unità di misura precisa e confrontabile per tutti i consumatori. In aggiunta questo significa che tutti i cittadini possono pagare solo il gas effettivamente consumato.

Come si calcola l'smc?

Il calcolo dell’smc avviene attraverso un processo chiamato riconversione. Il contatore del gas misura il volume di gas consumato in metri cubi, ma questo valore viene poi convertito in smc applicando un coefficiente di riconversione.

Il coefficiente di riconversione è un valore che varia a seconda della zona geografica e del periodo dell'anno, e tiene conto delle condizioni climatiche medie.

La formula per calcolare lo standard metro cubo è:

Smc = Mc * Coefficiente di riconversione

Generalmente questa conversione viene eseguita dalla società di fornitura e nella bolletta del gas compare esclusivamente il valore in smc.

Per il calcolo si prende il valore in mc indicato sul contatore e moltiplicato per il coefficiente C. Facendo un esempio, se il contatore indica 100 mc e il coefficiente C del tuo comune di residenza è 1,004 il calcolo che verrà fatto sarà 100x1,004 = 100,4 standard metri cubi. Volendo calcolare i metri cubi a partire dagli standard metri cubi il calcolo sarà inverso, 100,4:1,004=100 mc.

Come si misura il consumo di gas?

Il consumo di gas viene solitamente misurato con l'aiuto di un contatore del gas installato presso l'utenza. Questo contatore registra la quantità di gas che passa attraverso il sistema, misurandolo in unità di volume, come i metri cubi.

I contatori del gas sono progettati per registrare con precisione il consumo di gas. Alcuni contatori possono essere letti manualmente, mentre altri sono dotati di sistemi di lettura automatica che semplificano il processo di rilevamento dei consumi.

Per determinare il consumo di gas in un dato periodo, è sufficiente registrare la lettura del contatore all'inizio e alla fine del periodo e sottrarre la lettura iniziale dalla lettura finale. Il risultato rappresenta il consumo di gas durante quel periodo specifico.

Quali sono le tariffe dell’smc?

Le tariffe dello standard metro cubo sono molto variabili, e ci sono diversi fattori che influenzano direttamente questo valore.

  • Tipologia di mercato: gennaio 2024 è stato il momento decisivo per la chiusura del mercato tutelato del gas per i clienti non vulnerabili, ma fino a questo momento i prezzi smc erano definiti dall’ARERA ogni 3 mesi sulla base dell’andamento del mercato. Ad oggi, con il mercato libero le condizioni variano in base al fornitore e alla tariffa scelta.
  • Andamento del mercato: ci sono due differenti tipologie di tariffe con il mercato libero, a prezzo fisso e a prezzo variabile (o indicizzato). Nel momento in cui si sceglie una tariffa a prezzo variabile significa che il prezzo della materia prima può cambiare a seconda delle oscillazioni del mercato internazionale, che può determinare un aumento o una diminuzione del costo. Optando invece per una tariffa a prezzo fisso (o prezzo bloccato) il costo rimarrà uguale per tutta la durata del contratto (generalmente 12,24 o 36 mesi). Per entrambe le tariffe è estremamente importante valutare il fornitore che più si adatta alle nostre esigenze e che offre tariffe più vantaggiose.

Con Pulsee Luce e Gas hai la possibilità di personalizzare la tua offerta, impattare positivamente sul pianeta e scegliere la tariffa che più si avvicina alle tue esigenze di sicurezza.