Artboard 112 copy 55
Come Pulsee Luce e Gas siamo un soggetto terzo del tutto estraneo al servizio di streaming online denominato Pulsler. Avvisiamo che pertanto non potremo dare seguito ad eventuali segnalazioni e/o richieste. Clicca per approfondire. >>
ico-close
  • News & Media
  • >
  • Cosa fare se salta la corrente ma non il contatore

Cosa fare se salta la corrente ma non il contatore

13/09/2021

Cosa fare se salta la corrente ma non il contatore     

Se salta la corrente ma non il contatore è necessario verificare quale sia l’origine del malfunzionamento, in quanto significa che il contatore elettrico funziona correttamente e il problema interessa l’impianto domestico. In questa situazione esistono alcuni controlli che si possono effettuare, per accertarsi che sia tutto in ordine e capire quale sia la causa.

In alternativa non rimane che contattare un elettricista, per far ispezionare l’impianto elettrico a un professionista qualificato in grado di intervenire in modo sicuro ed efficiente. Scopriamo cosa fare se salta il salvavita ma non il contatore, con tutti i procedimenti da realizzare in queste circostanze.

Come funziona il salvavita dell’impianto elettrico

All’interno delle abitazioni è sempre presente un salvavita, un dispositivo di sicurezza indispensabile per proteggere i dispositivi elettrici ed elettronici in caso di cortocircuiti o sbalzi di corrente. Questo strumento è installato all’ingresso del sistema elettrico di casa, ed è configurato in base alla potenza installata dal distributore locale secondo quanto previsto dal contratto con il fornitore.

Se il salvavita rileva un’anomalia elettrica interrompe la corrente, preservando gli apparecchi da una serie di danneggiamenti che potrebbero essere provocati da un flusso elettrico irregolare. I motivi che possono far scattare il salvavita sono diversi, tra cui:

  • cortocircuiti;
  • contatti tra conduttori;
  • sbalzi di tensione;
  • sovraccarichi elettrici.

In condizioni normali, quando si manifesta il problema elettrico, il salvavita scatta e blocca l’afflusso di corrente. In questi casi basta tirare su di nuovo il salvavita, oppure verificare se l’interruzione è avvenuta presso l’interruttore generale situato presso il contatore. Altrimenti, se scatta ancora è necessario scoprire la causa del malfunzionamento o chiamare un tecnico.

Perché può saltare la corrente ma non il contatore?

Quando in casa salta la corrente ma il contatore funziona significa che è entrato in funzione il salvavita. Il problema non è dunque un guasto esterno, ad esempio dovuto al maltempo o un’anomalia alla rete di distribuzione locale, ma il malfunzionamento si trova nell’impianto elettrico della propria abitazione.

Il motivo potrebbe essere una presa di corrente guasta, perché usurata o danneggiata da un contatto anomalo, una condizione che provoca un cortocircuito facendo scattare il salvavita. L’origine del problema potrebbe essere anche l’umidità, infatti la presenza di condensa può causare il distacco automatico della corrente per ragioni di sicurezza.

Un’altra situazione abbastanza comune è un sovraccarico: ad esempio, quando si accendono troppi dispositivi tutti insieme, collegando allo stesso tempo un numero eccessivo di apparecchi ed elettrodomestici. Un problema analogo è il superamento della potenza installata: infatti, se il punto di prelievo prevede 3 kW ma il fabbisogno oltrepassa questa soglia l’impianto generale viene staccato.

In questi casi è il sistema di sicurezza del contatore ad entrare in funzione, perciò non resta che richiedere un aumento di potenza rivolgendosi al proprio fornitore o al distributore di zona. Questa procedura è gratuita quando l’incremento di potenza serve per ricaricare i veicoli elettrici, grazie alla sperimentazione in corso fino al 2023 prevista da ARERA per promuovere la mobilità sostenibile.

Salta il salvavita ma non il contatore: come risolvere?

Se si riesce ad individuare la causa dell’entrata in funzione del salvavita risolvere il problema è abbastanza semplice, infatti basta sistemare il guasto che ha provocato l’interruzione e non avere più noie. In caso contrario bisogna chiamare un tecnico abilitato, evitando di tentare riparazioni fai da te per motivi di sicurezza.

Innanzitutto, è possibile provare a staccare tutti gli elettrodomestici e gli apparecchi, per vedere se una volta tirata su la leva del salvavita la corrente rimane in funzione. In seguito, si possono riaccendere i vari dispositivi uno per volta, per scoprire se un apparecchio in particolare è la causa dell’anomalia.

Inoltre, è necessario controllare le prese di corrente, per vedere se esistono fili staccati, componenti usurate o infiltrazioni d’umidità, realizzando questa ispezione con la corrente staccata. In caso di cortocircuiti è indispensabile contattare un elettricista, in quanto questo malfunzionamento richiede esperienza, strumenti appropriati e competenze per essere risolto.

Come richiedere l’aumento della potenza installata

Se il salvavita continua a scattare il problema potrebbe essere una potenza installata insufficiente, una situazione abbastanza frequente in alcuni casi. Ad esempio, questa condizione può verificarsi quando il numero di membri del nucleo familiare aumenta, oppure se si sostituisce una caldaia a gas con un apparecchio elettrico senza verificare prima l’incremento dei consumi elettrici.

Lo stesso può succedere in presenza di elettrodomestici e impianti obsoleti, i quali nel tempo perdono efficienza e accrescono l’assorbimento di corrente. In queste situazioni esistono due soluzioni possibili, contattare il fornitore per richiedere un aumento di potenza del contatore, oppure migliorare l’efficienza energetica in casa riducendo i consumi di corrente.

Con le forniture luce e gas green e smart di Pulsee puoi usufruire di tantissimi servizi aggiuntivi, con soluzioni dedicate per valorizzare gli interventi di efficientamento energetico e riduzione dei consumi. Infatti, ogni azione di diminuzione della carbon footprint permette di acquistare certificati CER, per attestare la riduzione dell’impatto ambientale e favorire le tecnologie rispettose del clima.