illustration-faq Created with Sketch.

Come si fa il subentro per la Luce?

Come si fa il subentro per la Luce?

Fare un subentro per la luce: ok, ma come? Niente paura, con Pulsee ogni operazione di attivazione per la tua fornitura di energia elettrica si fa in un battibaleno: ti bastano uno smartphone e 3 minuti del tuo tempo.

NB. Questa è la procedura di attivazione della luce adatta a te se stai traslocando in una casa precedentemente abitata da qualcun altro, in cui è già presente il contatore dell’energia elettrica e quindi anche il collegamento con la rete di distribuzione, ma non un contratto di fornitura attivo. In casi come questo bisogna effettuare un subentro, che serve proprio a riattivare il contatore con una nuova fornitura energetica.

Tutto chiaro? Vediamo allora come si fa un subentro per la luce: qui trovi sia un video-tutorial che una lista che ti spiega passo dopo passo come fare la procedura tutta online, con Pulsee.

Il subentro per la fornitura elettrica step dopo step

#1 Prima cosa da fare: assicurarsi di avere a portata di mano il proprio codice fiscale, il numero della carta di credito o l’iban. Se riesci, tieni vicino a te anche una vecchia bolletta della luce.

#2 Inserisci i tuoi dati personali e non dimenticare l’ok alla privacy. Ricorda di inserire un numero di cellulare valido e che potrai controllare mentre esegui la procedura di attivazione della luce: ci servirà poi per inviarti un codice quando sarà il momento di firmare in versione digitale il contratto.

#3 Adesso bisogna verificare alcune informazioni più specifiche sulla luce:

  • Il POD (Punto di Prelievo della fornitura elettrica): si tratta di un codice che indica l’indirizzo in cui l’elettricità viene prelevata dalla rete ed è riconoscibile perché inizia con la sigla IT. Se non hai una bolletta lasciata dal vecchio inquilino, controlla il contatore: quelli digitali riescono a mostrarlo sul display se premi più volte il pulsante.
  • La Potenza impegnata, che indica la potenza disponibile per la fornitura della luce. In realtà, solitamente è pari a 3 kW per tutti, ma c’è la possibilità di concordarla proprio in fase di attivazione.
  • Il Consumo elettrico annuale: si tratta semplicemente della stima dei tuoi consumi di energia elettrica in casa, calcolo che viene fatto prendendo in considerazione la potenza impegnata e i valori di consumo dell’ARERA.

#4 Scegli adesso come vuoi pagare le tue bollette della luce: addebito diretto sul conto corrente oppure sulla carta di credito?

#5 Leggi bene tutte le condizioni, controlla i tuoi dati, correggi eventuali refusi e poi procedi con la conferma di tutte le informazioni!

#6 Siamo arrivati alla firma digitale: controlla gli sms e troverai un messaggio da Pulsee con un codice. Dovrai inserirlo quando richiesto per procedere con la firma del tuo contratto di fornitura: et voilà, niente scartoffie e il contratto è firmato!

#7 Ultimissimo step: controlla la tua mail e clicca sul link di conferma che trovi nella mail che ti abbiamo inviato.

Complimenti: la tua procedura di subentro per la luce è andata a buon fine. Benvenuto nel mondo smart di Pulsee.

Non solo subentro: allaccio, prima attivazione e voltura per la luce

Tutti i segreti del subentro per la fornitura della luce sono spiegati, ma ci sono altre procedure da effettuare per attivare l’energia elettrica in altri casi. Ecco un piccolo ripasso sulle altre casistiche:

  • Nuovo allaccio e attivazione: devi richiedere un nuovo allaccio se ti stai trasferendo in una casa nuova e mai abitata, in cui non è presente nemmeno il contatore dell’energia elettrica. Qui trovi tutte le informazioni necessarie a effettuare un nuovo allaccio e una nuova attivazione per la fornitura della luce.
  • Prima attivazione: devi richiedere invece una prima attivazione se il contatore è già presente in casa e l’allaccio alla rete è già stato eseguito, ma in casa non è mai stata attivata alcuna fornitura di energia elettrica. In questo caso, dovrai eseguire la procedura di prima attivazione.
  • Voltura: devi fare invece una voltura della fornitura luce se nella casa in cui ti stai trasferendo è ancora attiva l’utenza del vecchio inquilino. In questo modo, potrai intestare a te stesso il contratto già attivo, senza doverne sottoscrivere uno nuovo. Se questo è il tuo caso, scopri come fare la voltura della luce senza problemi!

Condividi