illustration-faq Created with Sketch.

Quando non può essere sospesa la fornitura?

Quando non può essere sospesa la fornitura?

In corrispondenza di un mancato pagamento, la fornitura può essere sospesa. È bene sapere, però, che ci sono alcuni casi in cui la normativa non consente la richiesta di sospensione. 

Quali sono questi casi?

  • Quando la comunicazione di preavviso si sospensione (costituzione in mora) non sia stata inviata oppure non sia stata effettuata nei modi e nei tempi stabiliti dalla normativa (Testo integrato morosità elettrica, articolo 4.3, Testo inegrato delle morosità gas, art. 5.2). 
  • Quando si dimostri di aver comunicato al fornitore che in realtà il pagamento è stato correttamente effettuato.
  • Quando il mancato pagamento corrisponda o sia inferiore all’importo del deposito cauzionale o della fideiussione rilasciata. In alternativa, deve essere inferiore all’importo medio stimato per un ciclo di fatturazione.
  • Per i clienti in maggior tutela, quando il mancato pagamento corrisponda a servizi diversi da quelli della fornitura energetica. 
  • Quando il fornitore non abbia risposto a un reclamo scritto inerente a una ricostruzione dei consumi a seguito di accertato malfunzionamento del gruppo di misura o a reclamo per fatturazioni anomale.
  • Per chi è connesso in bassa tensione, la fornitura non può essere interrotta quando la morosità non riguardi pagamenti esplicitamente inerenti ai contratti. 

 

Condividi

share facebook
share twitter